venerdì 16 luglio 2010

La linea di confine

Teorizzo sull'esistenza di una linea di confine tra il divenire parte integrante di una realtà nuova e il rimanerne invece estraneo (o non totalmente inserito). Una linea di confine che prima si sta da una parte e poi dall'altra, tra un'integrazione ed un'esclusione. La linea di confine è mentale, ma necessariamente fisica...
Io, ho individuato la linea di confine in una scarica di diarrea.
Lo scavalcamento della linea di confine può durare anche dei giorni... e parecchi chilometri. Da Rabat a Casablanca passando per Khouribga...

Parto da Rabat a denti stretti che ancora non ho capito se ho già scavalcato del tutto ma comincio già a sentirmi meglio: più inserito nel mondo, nel contesto e nella realtà marocchina. Mi dirigo a Khouribga per incontrare l'amico Mohamed che è alla 13ème édition du Festival de cinéma africain de Khouribga. Sono felicissimo di incontrarlo e nel vederlo molto impegnato per i suoi progetti futuri. Riesco anche a vedere il film marocchino Destins croisés.

Riparto il giorno dopo, giovedì 15 per Casablanca. Sono sicuro, ho attraversato il confine con successo. Arrivato a Casablanca mi muovo con destrezza...ma penso anche che è la città più occidentale che ho incontrato fin'ora in Marocco e quindi rimango con gli occhi aperti, forse la linea di confine non è così lontana alle mie spalle.

Un breve video per aver appena attraversato il confine e quindi con una nuova attenzione e sensibilità per le immagini.

4 commenti:

  1. Marottino, che meraviglia questo viaggio!
    Guarda che io ti aspetto all'imbarco il 7 agosto... in danimarca!
    Lorenzo

    RispondiElimina
  2. oddio Lorenzo, la vedo un po' dura ma mi posso organizzare...se non mi vedere all'imbarco però non mi aspettate, andate lo stesso...:-)

    RispondiElimina
  3. Ecriture tout a fait transformée ...très bien...vraiment comme Geertz et les Balinais?! Bienvenue dans le merveilleux univers de l’anthropologie culturelle «appliqué»... et l’occasion de tracer des nouveau horizons... il faut bouger, il faut bouger!

    RispondiElimina
  4. Aelita, Princess of Mars16 luglio 2010 14:12

    ...ah, e comunque....IMODIUM forever....

    RispondiElimina